​​Call us:

+39 3388260299

  • Facebook Social Icon

Teatro utile

Le rinchiuse

“Sotto un cielo straniero (frammenti)” è composto non da tutti, ma da alcuni dei brevi
testi della durata di cinque, sei minuti l’uno, nati dal laboratorio di scrittura e che insieme
compongono un quadro impressionista sull’immigrazione in una grande città, come ad
esempio Milano. Prendendo come spunto di riflessione “La città sradicata” (Geografie
dell’abitare contemporaneo. I migranti mappano Milano) di Nausicaa Pezzoni, gli autori,
coordinati da Renato Gabrielli, hanno lavorato sullo sguardo con cui i migranti ci vedono e
vedono la città sconosciuta in cui arrivano.

La sensazione dominante è lo spaesamento, il non riconoscimento dei luoghi e del linguaggio.

L’ironia rivolta anche a loro stessi, nessuno ne è esente, è corrosiva e non risparmia nessuno.

Siamo obbligati a riconoscerci nei comportamenti e nei giudizi stereotipati sui cosiddetti

“extracomunitari”.

Questo permette di mettere in campo temi forti con leggerezza.

Abbiamo scelto di presentarli alternando, attraverso un dichiarato gioco scenico,

momenti corali e individuali. Il palcoscenico è stato diviso in luoghi deputati segnalati

da cartelli stradali che indicano dove si svolge la scena che andiamo a rappresentare.

SOTTO UN CIELO STRANIERO

Interpreti:

Olivier Elouti(Camerun), Mayil Georgi Nieto(Colombia), Yordy
Cagua(Ecuador), Mateo Çili(Albania), Yudel Collazo(Cuba), Kalua Rodriguez(Cuba), Ngone Gueye(Senegal), 

Regia Tiziana Bergamaschi
Aiuto alla regia Olivier Elouti
Scenografie Andrea Finizio


I drammaturghi che hanno partecipato al laboratorio e scritto i testi sono:

- Marco Di Stefano (Italia)

– Rufin Doh Zéyénouin (Costa D’Avorio)

– Margarita Egorov (Russia)

- Elide La Vecchia (Italia)

– Diego Runko (Croazia)

Recensioni